Dal restyle design all’automotive: tutte le applicazioni della moderna granigliatrice

Non soltanto le aziende che operano nel settore dell’automotive e nella metallurgia: anche quelle che si occupano di lavorazione di marmo, vetro, graniti e plastica, in settori di utilizzo e mercati di riferimento molto diversi fra loro, conoscono le potenzialità della granigliatura.

La granigliatura è, fondamentalmente, un procedimento con cui è possibile trattare alcune superfici attraverso il lancio (a turbina o aria compressa) di graniglia, sabbia e pallini di metallo (o altri materiali). Si utilizza per pulire, levigare e rifinire un oggetto.

Esistono diversi modelli di granigliatrice, e a differenza di quanto si potrebbe pensare sono strumenti incredibilmente duttili.

Non tutti sanno, infatti, che utilizzando una granigliatrice è possibile:

  • sverniciare la scocca di motocicli e automobili, anche nelle operazioni di restauro di vetture d’epoca. Lavorando la parte esterna del metallo con un potente getto di aria e sabbia si può erodere la superficie della scocca con una precisione chirurgica.

    Foto da motorisumotori.it
  • eseguire lavorazioni – in ambito industriale, specialmente nell’automotive – e finiture superficiali di motori, cofani, paraurti e di tutti quei pezzi che devono coniugare alti standard di affidabilità, resistenza ed estetica.
  • bocciardare marmo, granito e altre materiali usati per le pavimentazioni, trattandoli in modo da donare loro una resa irregolare, rustica e grezza. Ne risulta un effetto “anticato”, che sulle pietre si rivela particolarmente efficace a livello estetico. Tradizionalmente questa operazione veniva eseguita a mano dall’artigiano, tramite un particolare scalpello chiamato, appunto, bocciarda.

    Foto da perinomarmi.it
  • dar sfogo alle ultime tendenze di vintage tableware, conferendo agli accessori da tavola una declinazione retrò. Attraverso la sinergia tra creatività contemporanea e una particolare tecnica di granigliatura, le posate d’acciaio vengono sottoposte a un trattamento abrasivo a base di microparticelle ceramiche e aria ad alta pressione. Il risultato finale è una particolare e inedita texture opaca.
Foto da stile.it